SCORTICABOVE; “ENNESIMO FRUTTO DELL’INDIFFERENZA DOPO BAOBAB, SS. APOSTOLI E PIAZZA INDIPENDENZA”

SCORTICABOVE; “ENNESIMO FRUTTO DELL’INDIFFERENZA DOPO BAOBAB, SS. APOSTOLI E PIAZZA INDIPENDENZA”

Ercoli, “Salvini venga a Tor Bella Monaca all’ambulatorio degli ultimi”

“Apprendiamo sconcertati che ai rifugiati e sfrattati sudanesi di via Scorticabove sono stati tolti sia l’acqua, che l’accesso ai servizi igienici. La sicurezza e la legalità – pur necessari – devono andare, però, di pari passo con la solidarietà e la misericordia. Togliere l’acqua a donne e bambini è un gesto, che se confermato, non possiamo assolutamente condividere”.

E’ quanto dichiara LUCIA ERCOLI, direttore sanitario dell’associazione Medicina Solidale, che da oltre 13 anni offre cure e assistenza ai tanti “invisibili” della Capitale da Tor Bella Monaca al colonnato di San Pietro.

“Ogni estate ormai – prosegue ERCOLI – la nostra città ci ha abituati a vivere la caccia all’immigrato di turno. Dopo il Baobab, ss. Apostoli e piazza Indipendenza ora è il turno di quelli di Via Scorticabove che pagano solo il fatto che la nostra città non è più in grado di accogliere chi è fragile e soprattutto non ha in prospettiva un valido progetto”.

“Apprezziamo invece – aggiunge – il fatto che la diocesi di Roma, attraverso il vescovo Lojudice abbia aperto con i rifugiati/sfrattati un dialogo serio e solidale”.

“Donne e bambini prima di tutto al di là del colore della pelle – conclude ERCOLI – devono essere tutelati e non perseguitati. La nostra città deve dare un segnale forte di solidarietà. Per questo invitiamo il Ministro Salvini a Tor Bella Monaca nel nostro ambulatorio degli ultimi”.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO!
Fai una donazione

Caro Visitatore, chiediamo il Tuo aiuto per sostenere le attività dell'Associazione. Medicina Solidale è un'associazione ONLUS autofinanziata. Le donazioni sono fondamentali per finanziare le attività di assistenza e cura che offriamo a tutti gratuitamente. Se esistiamo è grazie al sostegno di persone come Te che scelgono di dare un contributo volontario. Per continuare a garantire tutto questo, anche nei prossimi mesi, il Tuo sostegno economico per noi è di fondamentale aiuto.

Grazie davvero, Presidente IMES