Intervista alla D.ssa Lucia Ercoli: La dottoressa “Là sotto vivono in una condizione disumana senza un tetto e cure mediche”

Intervista alla D.ssa Lucia Ercoli: La dottoressa “Là sotto vivono in una condizione disumana senza un tetto e cure mediche”

Di Luca Monaco (La Repubblica di Venerdì 8 Dicembre 2017)

«Quello che sta accadendo sotto il portico della Basilica dei Santi XII Apostoli è un attentato alla salute. Siamo di fronte a una situazione di grande violenza ai danni dell’infanzia: quei bambini porteranno con loro le ferite di quello che stanno vivendo».

È il parere di un tecnico. Ieri Lucia Ercoli, responsabile sanitario di Medicina solidale, insieme a un
ostetrico e a un mediatore sociale, è tornata a visitare le 60 famiglie sgomberate il 10 agosto scorso in via di Quintavalle, a Cinecittà.
Dottoressa, come stanno i bambini?

«Lo scenario nel quale sono costretti a vivere i 20 bambini e i loro genitori sembra una sperimentazione di tutto ciò che può causare danni alla salute. Nello specifico ieri abbiamo visitato 4 bambini e 3 adulti, riscontrando sindromi da raffreddamento, dolori ossei, ipertensione. Una signora aveva l’influenza. Quello che preoccupa maggiormente è il fatto che la situazione, da un punto di vista igienico, nonostante gli sforzi delle famiglie, è molto deteriorata».

Una condizione aggravata dal fatto che, essendo gli sfollati ex occupanti, in virtù del decreto Lupi non possono accedere al sistema sanitario nazionale.

«Vivono una condizione disumana. Non potendo avere la residenza né godendo di contratti di lavoro stabile non possono accedere alle cure ospedaliere: una violazione costituzionale bella e buona, visto che l’articolo 32 della nostra Costituzione garantisce cure gratuite agli indigenti».

Nonostante le denunce sulla loro condizione, nulla è cambiato da agosto a oggi.

«Il freddo intenso, il sovraffollamento, l’impossibilità di accedere ai servizi igienici sono tutti elementi che determinano le malattie».

La linea dell’amministrazione appare chiara, viaggia proprio in questa direzione.

«Questa situazione doveva essere una prova, bisognava tentare di dare delle risposte a delle esigenze minime degli esseri umani. Queste persone hanno assoluto bisogno di una casa. E trovargli un alloggio non è certo una sfida così difficile da vincere».

Tornerete a visitare i senza casa anche nei prossimi giorni?

«Torneremo nuovamente domani. Ieri abbiamo intercettato una ragazza incinta e l’abbiamo invitata al nostro ambulatorio. Stiamo seguendo la situazione di piazza Santi Apostoli da quest’estate. In questi giorni, inoltre, stiamo conducendo una ricognizione delle persone che vivono in strada anche nelle periferie. Ma c’è bisogno di uno sforzo comune».

Cosa le hanno chiesto i bambini in piazza Santi Apostoli?

«Abbiamo portato dei piccoli pensierini per Natale: i loro sguardi mi sono sembrati dei frammenti di cielo nel mezzo dell’inferno».

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO!
Fai una donazione

Caro Visitatore, chiediamo il Tuo aiuto per sostenere le attività dell'Associazione. Medicina Solidale è un'associazione ONLUS autofinanziata. Le donazioni sono fondamentali per finanziare le attività di assistenza e cura che offriamo a tutti gratuitamente. Se esistiamo è grazie al sostegno di persone come Te che scelgono di dare un contributo volontario. Per continuare a garantire tutto questo, anche nei prossimi mesi, il Tuo sostegno economico per noi è di fondamentale aiuto.

Grazie davvero, Presidente IMES