PAPA: FRANCESCO HA INCONTRATO I MEDICI DELL’AMBULATORIO DEL COLONNATO, TRA LORO ANCHE LUCIA ERCOLI DI MEDICINA SOLIDALE

PAPA: FRANCESCO HA INCONTRATO I MEDICI DELL’AMBULATORIO DEL COLONNATO, TRA LORO ANCHE LUCIA ERCOLI DI MEDICINA SOLIDALE

foto_papa_ms

Lunedì scorso, il 31 ottobre, alcuni dei volontari dell’Istututo di Medicina Solidale, impegnati da mesi al fianco dei più deboli ed emarginati con l’ambulatorio al Colonnato di San Pietro, hanno potuto incontrare e salutare Papa Francesco; questa rappresentanza di medici è stata accompagnata e guidata da Sua Eccellenza Konrad Krajewski, Elemosiniere Pontificio.

Tanti e diversi i ruoli e le specializzazioni mediche dei volontari, come il caso del Dottor Paolo, un odontoiatra che ogni sabato mattina svolge il proprio lavoro in Vaticano al fianco di altri come lui che si impegnano per essere misericordiosi come il Papa ha voluto rammentarci con questo Giubileo Straordinario.

Presente all’incontro anche Lucia Ercoli, direttrice dell’Istituto Medicina Solidale, che ha voluto sottolineare come “La commozione ha preso tutti quando è arrivato il Santo Padre che ci ha salutato uno per uno dicendo: Grazie. Il grazie di Papa Francesco è stato per noi un’ulteriore spinta per meglio servire i più poveri sapendo che in ognuno di loro è Gesù stesso a farci visita. Noi ringraziamo Sia Eccellenza Padre Konrad di averci dato questa opportunità e di accompagnarci nel nostro servizio. Grazie – conclude la Ercoli – a Papa Francesco, uomo di Dio, uomo del Vangelo e amico dei poveri”. 

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

RESTIAMO A CASA!
Questo è l'invito delle autorità in un momento delicato per tutti. E' una misura necessaria per contenere il contagio, aderiamo TUTTI alle indicazioni con senso di responsabilità. Aderiamo tutti: piccoli, giovani e grandi LIMITIAMO IL CONTAGIO STIAMO A CASA! E RISPETTIAMO QUESTE SEMPLICISSIME REGOLE Evitiamo spostamenti inutili Laviamoci spesso le mani Non mettiamo le mani in bocca e negli occhi Evitiamo di darci la mano Troverete maggiori dettagli sul poster del Ministero della Salute che vi invitiamo a leggere con attenzione